Notizie

(ANS – Les Cayes) – Secondo la giornalista della CNN Laila Abu Shihab, “Haiti sembra destinato a non essere capace di riprendersi dai disastri naturali che di tanto in tanto, mentre ancora combatte per le devastazioni della precedente catastrofe, gli cadono addosso come parassiti e lasciano il paese devastato”. Sembrerebbe tristemente tutto vero, dato che finora molti luoghi sono rimasti fermi nella condizione in cui si trovavano, distrutti dalle calamità. I Salesiani però non sono rimasti fermi nel passato e guardano avanti.

(ANS – Mato Grosso) – I Bororo, noti anche come “Parrudos” sono un popolo indigeno dello stato amazzonico brasiliano del Mato Grosso e si distinguono per produrre oggetti artigianali e pitture sul corpo di elevato livello artistico. Gli Xavantes sono altro gruppo etnico amerindio che vive nel Mato Grosso; sono circa 800, si definiscono come “persone vere”, e praticano come rito iniziatico la foratura delle orecchie. I Salesiani da anni svolgono la loro missione pastorale sia con i Bororo, sia con gli Xavantes, due comunità culturalmente e storicamente distanti.

(ANS – Roma) – Il sacerdote salesiano Giulio Barberis (1847-1927) fu uno dei discepoli e collaboratori di Don Bosco riconosciuti come figure chiave per la genesi e lo sviluppo dell’Opera salesiana negli aspetti organizzativi, istituzionali, formativi e carismatici. Per questo motivo don José Manuel Prellezo, membro dell’Istituto Storico Salesiano (ISS), ha curato un’edizione critica dei celebri “Appunti di Pedagogia” di don Barberis del 1897.

(ANS – Mumbai) – L’Istituto Tecnico Industriale “St. Joseph” (SJITI, in Inglese) a Kurla, nei pressi di Mumbai, ha siglato lo scorso 15 luglio – proprio in occasione della Giornata Mondiale delle Abilità Giovanili – un accordo con l’industria automobilistica “Tata Hitachi” che le permetterà di offrire ai suoi allievi un programma di formazione specifico per l’assunzione presso i concessionari della compagnia.

(ANS – Howrah) – Quando cala la notte i bambini di strada diventano particolarmente vulnerabili. Ogni sera il “Don Bosco Ashalayam” (Casa della Speranza) di Howrah, vicino Calcutta, apre le sue porte a tutti i bambini e minori bisognosi di un luogo sicuro per dormire. Vengono, dormono, ma se vogliono al mattino possono sempre andarsene. Tuttavia i rifugi notturni sono prossimi alle case d’accoglienza salesiane e la positiva esperienza dei ragazzi di strada presso i rifugi notturni spesso li induce ad accettare l’ospitalità delle case d’accoglienza, un ambiente più stabile, nel quale possono mangiare pasti salutari, lavarsi e ricevere cure mediche, studiare e socializzare.

(ANS – Phnom Penh) – Il progetto “Cagliero Immersion”, iniziato nel 2009, permette ai giovani delle case salesiane d’Australia di sperimentare la vita in un altro paese e conoscere un’altra cultura, al tempo stesso facendo un’esperienza di servizio volontario. Quest’anno il progetto si è realizzato in Cambogia, a Phnom Penh, nella prima metà di luglio. L’équipe, composta da 12 giovani volontari accompagnati da don Bernie Graham, SDB, e altri due membri dello staff del Progetto Cagliero, ha avuto la sua sede operativa presso la scuola tecnica Don Bosco (DBTS, in Inglese) della capitale cambogiana.

InfoANS

ANS - "Agenzia iNfo Salesiana" - è un periodico plurisettimanale telematico, organo di comunicazione della Congregazione Salesiana, iscritto al Registro della Stampa del Tribunale di Roma, n. 153/2007.

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".